fbpx

L’accordo del mangiatore? Ma cosa è questa cosa strana? Ovvio che sono un mangiatore… ne ho bisogno per vivere ed è ovvio che lo accetto. 
Eppure non è sempre così facile accettare di essere un “mangiatore”, accettare che la fame e il bisogno di cibo facciano parte della nostra vita. Del resto non siamo tutti uguali e tante persone ingaggiano una dura lotta o un rapporto di amore e odio continuo con il proprio corpo, con le sensazioni di fame o pienezza e con il cibo. 
Questo accordo è per loro e per tutti noi.. Affinché ci possiamo riconnettere con noi stessi e con la nostra natura.
L’accordo del mangiatore è tratto, con alcune modifiche, dal libro Nourishing Wisdom di Marc David. 

Accetto di partecipare pienamente alla vita su questa terra

Con la presente, accetto, da questo giorno in poi, di partecipare pienamente alla vita su questa terra. Accetto di abitare nel veicolo appropriato per questa partecipazione: il mio corpo. Come requisito per il sostegno di quel corpo e della vita che lo abita, accetto di essere un mangiatore.  
Come mangiatore, accetto la fame. Accetto di avere un corpo che ha bisogno di cibo. Accetto a nutrirmi di cibo. Riconosco che man mano che il bisogno biologico di mangiare viene soddisfatto con maggiore consapevolezza ed efficienza, i benefici del mio benessere aumenteranno. Riconosco inoltre che l’ignoranza del processo alimentare può causare conseguenze indesiderabili.

Poiché l’essenza della mia partecipazione alla vita è quella dell’apprendimento e dell’esplorazione, concordo di sperimentare l’incertezza come mangiatore. Riconosco che esiste una grande varietà di cibi tra cui scegliere, e potrei non sapere quali mangiare. Potrei scegliere tra diversi approcci nutrizionali e non sapere quale seguire. Potrei avere consigli su una grande quantità di abitudini e non sapere come gestirle. Riconosco che il mio rapporto con il cibo è un processo di apprendimento e inevitabilmente commetterò errori. Pertanto, come mangiatore, accetto la mia umanità e accetto di imparare mentre procedo.

Riconosco e accetto i cambiamenti del mio corpo

Riconosco che quando il corpo passa dall’infanzia alla vecchiaia, anche il processo alimentare cambia. Riconosco che il mio corpo può richiedere cibi diversi con il passare dei giorni, delle stagioni e degli anni. Le mie esigenze dietetiche cambieranno anche in accordo con i cambiamenti nel mio stile di vita e nel mio ambiente.
Capisco che non esiste una dieta perfetta.
Come mangiatore, riconosco il dolore. Riconosco che potrei soffrire quando il corpo sarà disturbato dalla scelta di cibi non salutari o abitudini alimentari errate.
Posso anche provare dolore quando la fame emotiva e spirituale viene confusa con la fame fisica. Capisco inoltre che mangiare per curare una ferita che non può essere guarita dal cibo può portare ancora più dolore.

Riconosco la mia responsabilità nei confronti della terra e della vita

Se ho un corpo femminile, riconosco di avere una relazione speciale con il cibo e il nutrimento. Riconosco che come donatrice di vita, sono anche in grado di nutrire la vita.
Sia attraverso la mia cucina o il latte del mio corpo, riconosco che l’unione di cibo e amore è una qualità che segna la mia femminilità e ha un profondo effetto sul genere umano.
Concordo inoltre sul fatto che mangiare sia un’attività che mi unisce a tutta l’umanità. Riconosco che essere un mangiatore significa essere responsabile della cura della terra e delle sue risorse. Riconosco che, nonostante le nostre differenze, alla fine siamo tutti nutriti dalla stessa fonte. Come tale, accetto di condividere con gli altri quello che ho.
Riconosco che al suo livello più profondo, mangiare è un’affermazione della vita. Ogni volta che mangio sono d’accordo e sento che sto continuando la vita sulla Terra. Riconosco che questa scelta di mangiare sia un atto fondamentale di amore e nutrimento, una vera celebrazione della mia esistenza. Come essere umano sulla Terra, accetto di essere un mangiatore. Scelgo la vita ancora e ancora e ancora. . .

E tu, cosa ne pensi dell’accordo del mangiatore? Ci sono delle parti che ti hanno toccato di più o a cui non avevi mai pensato?

Ti ricordo che in questa pagina puoi trovare altre informazioni legate alla psicologia alimentare https://www.monicacollu.com/psicologia-alimentare/

Fammelo sapere nei commenti. 
Monica

Rispondi